Le parole del web

Tutto cambia, anche il modo di fare ricerca nei motori.

Il contenuto fine a sé stesso non è più così importante; i nuovi modi di cercare prediligono  altri punti di riferimento come: la posizione geografica dell’utente, la sua cronologia, dal modo in cui l’utente cerca e cosa sta cercando (con quali parole).

Pensiamo a Siri, Google Assistant, Alexa e a tutti gli altri assistenti vocali: la ricerca diventa veloce e il risultato è una soluzione immediata al tuo problema.

Per avere questo risultato, per utilizzare la voice search è ovvio che la ricerca sarà fatta con una domanda più lunga, più naturale. Non domanderò “taxi milano”  ma chiederò “un taxi in zona Lambrate con urgenza…”

Aumentano le ricerche che iniziano per “cosa, come, chi, quando, quanto” ecc.  Da questo si trae un numero veramente interessante di indicazioni sull’utente. Il perchè della sua ricerca, se cerca un prodotto o un’informazione… se sta cercando di decidere cosa acquistare; quale bisogno di informazioni ha l’utente.

Questi ragionameni ci portano ad affermare che il buon SEO non si baserà più solo su una buona dose di keyword, sicuramente sarà indispensabile avere una comunicazione rilevante, esaustiva, interessante. Il contenuto web dovrà essere rilevante e aggiungerei rilevabile, capibile e apprezzato dal motore.

Il compito dei web-copy sarà quindi quello di dare qualità al contenuto, di saper scrivere ciò che l’utente potrà cercare.